17 Settembre 2012 - Basilica dell'Agonia - Il mio viaggio in Terrasanta

Vai ai contenuti

Menu principale:

17 Settembre 2012 - Basilica dell'Agonia

17 Settembre 2012

Direttamente a ridosso dell'orto degli ulivi entriamo nella la basilica dei Getsemani, o dell'Agonia, in ricordo delle ultime ore di Gesù prima di essere tradito ed arrestato.
La chiesa, costruita su una antecedente chiesa bizantina conserva ancora alcuni mosaici che erano in restauro.

La Basilica del Getsemani (o dell'Agonia)
Fu costruita dai Francescani negli anni 1919-24 (arch. Barluzzi) sulle rovine dell'antica basilica bizantina. Il nome vero è "Chiesa di tutte le nazioni".
Nel pavimento attuale sono state rimesse in luce, protette da cristalli, alcune tracce del ricco mosaico antico. Il mosaico moderno, sopra l'altare nell'abside centrale, rappresenta l'agonia di Gesù nell'orto, mentre quelli delle absidi laterali, rappresentano il bacio di Giuda e la scena dell'arresto. È ben visibile sul pavimento della chiesa, davanti all'altare maggiore, la roccia dell'agonia di Gesù, protetta tutt'intorno da un basso recinto in ferro battuto. È così conservata sin dal IV secolo e porta tracce di un altare crociato; tutto invita a fermarsi in preghiera con il racconto dell’evangelista Luca: Lc 22,39-46.

Essa è costruita sul luogo dove, a partire dal IV secolo, esisteva un luogo di culto bizantino, trasformato poi dai crociati in basilica, andata in rovina con la definitiva occupazione islamica.
Ai piedi dell’altare maggiore, protetta da una bassa recinzione in ferro battuto, è visibile una larga porzione di roccia originale, che la tradizione ritiene il luogo dove Gesù abbia pregato la notte prima dell’arresto.
Il nome della chiesa ricorda il contributo di numerosi paesi alla sua costruzione, avvenuta tra il 1919 ed il 1924 ad opera dell’architetto italiano Antonio Barluzzi. La chiesa è conosciuta anche come chiesa dell’agonia in riferimento alla notte che Gesù vi trascorse alla vigilia del suo arresto. In essa sono armoniosamente fusi assieme elementi architettonici tipici delle basiliche cristiane (per esempio la facciata) con tratti tipici degli edifici islamici (per esempio la copertura caratterizzata da numerose piccole cupole).

Luca 22,39-46
L'agonia di Gesù
Uscito se ne andò, come al solito, al monte degli Ulivi; anche i discepoli lo seguirono. 40 Giunto sul luogo, disse loro: «Pregate, per non entrare in tentazione». Poi si allontanò da loro quasi un tiro di sasso e, inginocchiatosi, pregava: «Padre, se vuoi, allontana da me questo calice! Tuttavia non sia fatta la mia, ma la tua volontà». Gli apparve allora un angelo dal cielo a confortarlo.
In preda all'angoscia, pregava più intensamente; e il suo sudore diventò come gocce di sangue che cadevano a terra.
Poi, rialzatosi dalla preghiera, andò dai discepoli e li trovò che dormivano per la tristezza. E disse loro: «Perché dormite? Alzatevi e pregate, per non entrare in tentazione»